Grande la soddisfazione oggi in “casa AIDO” per l’ufficializzazione dei risultati espressi lungo un anno di lavoro, il 2021 che nonostante le noti problematiche legate all’emergenza sanitaria ha portato la Sezione Provinciale AIDO di Cuneo a raccogliere la bellezza di 258 nuove adesioni alla donazione di organi, tessuti e cellule un risultato che colloca la “Granda” sullo scalino più alto del podio, il miglior indice di crescita della regione Piemonte.
“Coordinare l’attività associativa non è nè facile, nè semplice ancorpiù in una situazione limitante e di forte disagio che ha inciso fortemente sulle attività pubblica, ma visti i risultati è ora evidente che le decisioni prese dalla Giunta di Presidenza e dall’intero Consiglio Direttivo unito all’impegno profuso dai dirigenti dei Gruppi Comunali di AIDO diffusi su tutta la bella nostra provincia hanno reso possibile, per certi versi, un miracolo nel portare in squadra così tante nuove adesioni, quello stesso miracolo che produce il “dono” ridando una speranza di vita a chi malato è in lista d’attesa per un trapianto” – dice il Presidente AIDO Sezione Provinciale di Cuneo Gianfranco Vergnano a cui fà eco il Vice Presidente Vicario Enrico Giraudo – “Il lavoro profuso nel dare cultura ed informazione alla comunità cuneese è stato attento e capace di adeguarsi alle varie situazioni che man mano si sono venute a creare per i noti aspetti pandemici ed essere riusciti ad ottenere, come peraltro già avvenuto sul 2019 e 2020, il risultato migliore sull’area piemontese, premia i tanti sforzi profusi sì in modo volontario ed altruista, ma ritengo capace e professionale mettendo in evidenza quella generosità cuneese che è motivo d’orgoglio per tutti noi”.
“I numeri son dati oggettivi e non soggetti” prosegue Vergnano – ” con la regione Piemonte che esprime 785 nuovi “soci/candidati donatori” sapere che oltre 1/3 delle nuove “risorse” son della nostra bella terra di “Granda” sottolinea che le scelte, le azioni, le iniziative, le manifestazioni, gli eventi promossi e proposti son di certo vincenti e la presenza nello scorso anno del Direttore del Centro Nazionale Trapianti Massimo Cardillo ha confermato e validato la bontà del nostro agire. Non possiamo però abbassare la guardia e dobbiamo proseguire con tanta determinazione a lavorare per ridurre le liste d’attesa: un obbiettivo che anche sul 2022 sarà assolutamente lo stimolo per un dono portatore di vita”
AIDO, la vita oltre la vita!

Per informazioni aidoprovincialecuneo@hotmail.com

>>>>>>>>>>>>>>>>>

News dal Csv

<<<<<<<<<<<<<<<<<