Domenica 23 maggio torna a esibirsi il Coro degli afasici “Enrico Catelli” di A.L.I.Ce. Cuneo Odv, associazione per la lotta all’ictus cerebrale. Lo farà al Santuario di Cussanio di Fossano alle ore 16.30 in occasione del 5^ centenario dell’apparizione della Madonna e in occasione della Giornata del malato, appuntamento mariano del santuario fossanese. Sarà un momento importante per riaffermare un messaggio di vita, perché il coro è stare insieme, cercare di recuperare la parola dopo l’ictus e l’afasia, migliorando la qualità della vita delle persone che vi partecipano e dei familiari. Il concerto sarà anche trasmesso in diretta streaming sul canale Youtube della Diocesi di Fossano.

 

“In questo ultimo anno – ha dichiarato Maurizio Scarpa, musicoterapista e co-direttore con Margherita De Palmas del coro – non ci siamo mai fermati. L’attività musicoterapica è stata svolta online e abbiamo definito obiettivi specifici per ognuno dei nostri coristi: il risultato è stato sorprendente“.

 

L’associazione ha voluto dedicare il coro a Enrico Catelli, scomparso per Covid, volontario della Croce Rossa che accompagnava i coristi alle attività e che era diventato parte dell’associazione.

 

“Il Coro degli afasici – ha dichiarato Giuseppe Romano, vicepresidente dell’associazione e medico neuroradiologo dell’Ospedale di Cuneo – è sinonimo di speranza, tenacia e attaccamento alla vita, elementi fondamentali per affrontare un periodo duro come quello della malattia. La malattia prima di essere superata va riconosciuta e accettata e la musica è di grande aiuto e dà una forza ancora maggiore se si affronta in gruppo”.

 

L’esibizione a Cussanio sarà possibile grazie al contributo della Fondazione CRT nell’ambito del progetto “Santuari e Comunità – Storie che si incontrano” per recuperare e valorizzare i Santuari del Piemonte e della Valle d’Aosta. Oltre agli interventi di recupero e restauro dei Santuari, il bando finanzia anche iniziative di inclusione e aggregazione sociale e azioni di promozione culturale e turistica per lo sviluppo socio-economico locale.

 

 

 

 

Siamo onorati di ospitare questa esibizione al nostro Santuario, che diventa particolarmente simbolica nell’ambito della celebrazione del cinquecentenario, dove il Santuario si apre come spazio accogliente e gratuito per tutti. L’esibizione sarà anche un’occasione emozionante per dare forza e sostegno alle persone fragili e malate: un vento di speranza in questo periodo così difficile per tutti”, ha dichiarato il vicario della Diocesi di Fossano, don Pierangelo Chiaramello, rettore del Santuario.

 

Il progetto del Coro degli afasici esiste anche grazie ai fondi del 5×1000; è possibile sostenere l’associazione scrivendo in dichiarazione dei redditi il codice fiscale 96067980043.

 

A.L.I.Ce. Cuneo Odv ringrazia: Fondazione Crc, Fondazione Crt, Associazione “Alessio” e dott.ssa Annamaria Cevolani, Fondazione Cr Savigliano, Fondazione Crf, Diocesi di Fossano, banca di Caraglio credito cooperativo, banca IntesaSanpaolo e sig.ra Elisa Gava. Associazione Musica e Cura, Fondazione NoiAltri, Ordine dei medici di Cuneo, Asl Cn1, Asl Cn2, Fondazione Fossano musica, Consorzio socioassistenziale di Cuneo e di Fossano, Comune di Fossano, di Cuneo e di Alba, Fondazione Rovella, gruppo anziani Fondazione Ferrero, Lilt di Alba, Bra, Saluzzo e Cuneo, Croce Rossa di Borgo San Dalmazzo, Croce Bianca di Fossano, la campionessa Marta Bassino; tutti i familiari e i tanti volontari. Ringrazia tutti di componenti del Coro, i musicoterapisti Margherita De Palmas e Maurizio Scarpa con i due Giuseppe, Graziella, Orsola, i due Beppe, Pino, Gianfranco e Federico. Un ricordo speciale per Enrico, Lucia, Elisabetta e Gianfranco”.

>>>>>>>>>>>>>>>>>

News dagli ETS

<<<<<<<<<<<<<<<<<